Brick: mai più paura!

Nanerottolo troppo buffo per non scatenare la risata con annessi occhi a cuoricino, ecco il nostro CanCoraggio BRICK, detto anche “il Pirletti!” 

Caratteri generali: 

Nome: BRICK Razza: nessuna razza prevalente  Sesso: maschio castrato
Taglia: piccola (8 kg) Nato il: 21/4/2017 data presunta Salute: sano
Arrivato il: 17/02/18 Motivo ingresso: richiesta da parte di altra onlus  
La sua storia: Accalappiato perchè randagio ad Afragola (Na) ad agosto 2017, molto pauroso all’ingresso in canile. Non si conosce nulla della sua vita precedente. A settembre Ass. ASTRA lo ha preso in carico e a Gennaio 2017, al fine di aumentare la sua adattabilità, è arrivato alla Rescue Bau onlus. Ad Afragola aveva iniziato a fidarsi delle persone che si occupavano di lui. 
La sua problematica: sindrome da deprivazione sensoriale. Probabilmente nei primi mesi di vita Brick non ha avuto modo di imparare a conoscere il mondo e le persone, ma esclusivamente gli altri cani, situazione tipica di tutti i cani nati randagi. Non avendo potuto vivere tutte le situazioni che per noi sono normali, non avendo mai avuto l’aiuto di qualcuno per imparare ad adattarsi al mondo, lui ora ne ha molta paura. Teme tutte le novità, i rumori improvvisi, ambienti sconosciuti; non è abituato ad essere toccato o a relazionarsi con le persone e pertanto ne ha paura; è ansioso, perennemente preoccupato di ciò che può accadere.
Adottabilità iniziale: ha problemi comportamentali accentuati. Per una buona adozione è necessario possedere competenze medio-alte, che possono essere acquisite mediante affiancamento con un Rieducatore e con un veterinario Comportamentalista, soprattutto nella fase di ambientamento. L’abitazione deve essere allocata in un luogo tranquillo e dotata di spazio ove poterlo far uscire in sicurezza. 

Come possiamo aiutarlo: possiamo aiutarlo a comunicare meglio con noi, a fidarsi di una persona e tramite quella persona, imparare a conoscere il mondo. Possiamo sviluppare la sua capacità di ragionare sui problemi, innalzare la sua autostima: farlo diventare più “coraggioso” e più proteso verso il prossimo. Gli insegneremo a non temere il tocco, a godere delle passeggiate, a conoscere ciò che fa parte della nostra vita (guinzaglio e pettorina, ma anche le scale, le sedie, le auto, l’ambiente abitato). Lo aiuteremo a vivere più serenamente, abbassando il più possibile il suo stato d’ansia.

Purtroppo non sarà mai un cane totalmente equilibrato, ma potrà imparare a fidarsi della sua famiglia e, tramite coloro che hanno la sua fiducia, superare le difficoltà che si porranno davanti alle sue corte e simpaticissime zampetta. 

In tre parole: potrà essere felice. 

IL SUO PERCORSO

Febbraio 2018: benvenuto Brick!

Brick sta tutto il giorno sotto la pedana, trema e ringhiotta quando qualcuno entra in box. Accetta molto scettico il cibo offerto, non vuole uscire dal box, ha troppa paura. 

Ora ha bisogno di: capire come si svolge la giornata alla Rescue Bau, associare la presenza della persona a emozione positiva (persone=cibo in questo caso) e trovare sufficiente coraggio da uscire dalla pedana, per poi comprendere che non succede nulla se evita di nascondersi. 

 Marzo 2018: alla conquista del parchetto

Brick ora riconosce le due volontarie che si occupano di lui, le abbaia quando lei arriva, scodinzola, inizia a lasciarsi un pò andare, ma ha ancora paura a uscire dal box ed è restio a relazionarsi con gli altri cani. 

Ora ha bisogno di: prendere abbastanza coraggio da uscire dal box e conoscere gli sgambi, annusare, correre, socializzare con i suoi simili. In tre parole: fare il cane. 

Aprile 2018: nuove amicizie!

Brick non solo mostra gioia ne vedere le due volontarie che si occupano di lui, ma ha preso più fiducia e in fuori dal box è sufficientemente sereno da riuscire a correre e giocare con gli altri cani. Non è ancora così sereno da avvicinarsi molto alle persone o addirittura toccarle o farsi toccare, ma questi momenti di svago, queste emozioni positive, sono il primo, grande e importante traguardo. 

Ora ha bisogno di: conoscere più a fondo la persona, studiare il suo corpo e come si muove, per averne meno paura. E nel frattempo, è utile giocare un pò con l’olfatto. 

Luglio 2018: l’amicizia si rafforza

Sempre aiutato dalla presenza di Angie, la sua “Bau trainer”, Brick ha preso più fiducia e nei parchi della pensione, divertendosi, impara ogni giorno di più: impara a esplorare l’ambiente, avvicinarsi agli ostacoli, avvicinarsi alla persona, giocare con la persona, lavorare col fiuto aumentando la sua capacità di concentrazione. 

Ora ha bisogno di: conoscere il collare, il guinzaglio, la pettorina, elementi che saranno sempre presenti durante la sua vita di cane di casa. Avrà anche necessità di imparare a farsi avvicinare dalle persone senza temerne il tocco. 

 Novembre 2018: il grande scoglio superato

Ci abbiamo messo un pò, ma ora Brick è più fiducioso, si è lasciato visitare e vaccinare (richiamo annuale) con molta pazienza e, dopo aver conosciuto la guinzaglieria, ora tollera che gliela si faccia indossare. Grandissimo passo per il nostro nanerottolo bello! Ma non solo: finalmente è abbastanza coraggioso da uscire anche in assenza di Angie e sufficientemente curioso e rilassato da andare a conoscere persone estranee, accettando anche i vizietti da loro offerti!

Ora ha bisogno di: prendere più confidenza con la manipolazione per mettergli la pettorina e imparare ad andare al guinzaglio, per poi poter iniziare a scoprire il mondo al di fuori della pensione!

Follow me!